Autore

Condividi

1 - I Templi di Selinunte

Partenza Marinella di Selinunte, ingresso Parco Archeologico
Arrivo Marinella di Selinunte, ingresso Parco Archeologico
Lunghezza totale 7.0 km
Periodo consigliato

I periodi migliori sono l’inizio della primavera e l’autunno.

In considerazione dell’assenza di tratti ombreggiati, sconsigliamo la stagione estiva.

Fondata nel VII secolo a.C., Selinunte deve il suo nome a una pianta di prezzemolo selvatico che cresce lungo le sponde del fiume Modione-Selino, che scorre ad ovest dell’acropoli.

La città conobbe il momento di massimo splendore tra il VI e il V secolo, quando la popolazione arrivò a circa 80.000 persone, prima di essere coinvolta nel conflitto greco- punico, che portò al saccheggio del 409 a.C., che rappresentò l’inizio della decadenza.

Nel III secolo a.C. la città venne completamente rasa al suolo dai cartaginesi, per evitare che cadesse nelle mani dei romani, e i sopravvissuti si trasferirono a Lilibeo, l’odierna Marsala.

Le rovine vennero sommerse dalla vegetazione e la città venne dimenticata, fino al ‘500, quando venne localizzata dal monaco Tommaso Fazzello.

Gli scavi iniziarono secoli dopo, nel 1825, e da allora non si sono mai fermati. Negli anni ‘50 è stato ricostruito il tempio di Era, e nel 1993 è stato istituito il Parco Archeologico più grande d’Europa, con un’estensione di 2-70 ettari.

In considerazione delle dimensioni dell’area, la visita a piedi del Parco è una lunga e piacevole passeggiata, eccezionale esempio di “trekking archeologico”.

L’ingresso è a pagamento, l’orario nella stagione estiva è 9-17, nelle altre stagioni 9-16.

Mappa

Risorse nelle vicinanze...loading